“Non si vedeva niente, visibilità piatta, ma in qualche modo sono riuscito a volare comunque”.

Ebbene sì. Dominik Paris non ferma più. Oro nel SuperG di Åre dopo una gara molto difficile – come riportato da lui – proprio a causa della scarsa visibilità. L’azzurro, partito con il numero 3, è stato il più veloce, tenendo dietro di sé, a soli 8 centesimi, il francese Johan Clarey e Vincent Kriechmayr (secondi a pari merito).

“Medaglia di legno” per l’altro azzurro Christof Innerhofer, quarto a 35 centesimi. Grandissima gara per Mattia Casse, ottavo a soli 50 centesimi. Caduta invece per Matteo Marsaglia.

Dopo l’argento di Sofia Goggia, ieri, altro grande risultato per lo sci italiano, che ha iniziato al meglio questo percorso nel magnifico scenario di Åre.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here