Ogni anno in questo periodo a Mainz si festeggia il carnevale e, per celebrare l’occasione, nell’ultimo turno di Bundesliga la squadra è scesa in campo con un’allegra divisa a scacchi colorati.

Peccato per loro che la festa sia stata rovinata da un Bayer Leverkusen e, soprattutto, da un Julian Brandt inarrestabili.

Il ventiduenne originario di Brema è stato protagonista di quella che può chiamarsi la partita perfetta. Infatti, nella vittoria esterna della sua squadra per 5-1, il giovane talento tedesco ha realizzato una fantastica doppietta e fornito anche 2 assist, rispettivamente a Kai Havertz e a Karim Bellarabi, migliorando così le sue statistiche personali: 4 gol in campionato e 6 assist finora.

Brandt, dopo essere cresciuto nelle giovanili del Wolfsburg, si è trasferito appunto presso il club delle aspirine che lo ha acquistato per la modica cifra di 350 mila euro nel mese di Gennaio del 2014.

Il calciatore, dotato di una tecnica sopraffina e molto abile a saltare l’uomo, occupa principalmente la zona sinistra del campo giocando sia come esterno d’attacco che come trequartista.

Da sottolineare come nella sfida contro il Mainz il tecnico Peter Bosz abbia schierato il suo numero 10 addirittura come mezz’ala di centrocampo. Segno evidente della grande duttilità del giovane fantasista.

In occasione dell’ultimo match disputato, Brandt ha tagliato il traguardo delle 200 presenze con il proprio club e, a soli 22 anni, ha già maturato una grande esperienza internazionale, avendo già giocato per diverse stagioni la Champions League con il Bayer.

Inoltre, Julian ha fatto parte anche della disastrosa spedizione tedesca in occasione degli scorsi mondiali disputatosi in Russia nel 2018.

Durante il torneo Brandt non è mai stato schierato titolare dal c.t. Joachim Löw che anzi, l’ha sempre inserito nei finali di gara come carta della disperazione.

Certamente vista la sua giovane età ed il ricambio generazionale in corso all’interno della Mannschaft avrà modo di essere protagonista nel prossimo futuro della sua nazionale.

Alla ripresa del campionato, dopo la classica sosta invernale di 40 giorni, il numero 10 ha raggiunto un altissimo livello di condizione fisica e mentale e probabilmente, gran parte del merito va riconosciuto a Bosz, subentrato a Heiko Herrlich lo scorso dicembre.

E trascinato dalle prestazioni della sua stella, il Bayer Leverkusen, al momento sesto, sta cercando di recuperare punti e posizioni per raggiungere il quarto posto, distante ora 5 lunghezze ed attualmente occupato dal Lipsia con 38 punti.

Un’impresa che avrebbe del clamoroso, soprattutto se si pensa a come era iniziata la stagione del club di proprietà della famosa casa farmaceutica, con la squadra che navigava nella parte bassa della classifica.

Obiettivo che, con un Brandt in versione Superhero, si può realizzare.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here