Domenica negli Emirati, sul circuito di Yas Marina, calerà il sipario sulla stagione 2018 del Circus.

Con i titoli mondiali piloti e costruttori già conquistati rispettivamente da Lewis Hamilton e dalla Mercedes, potrebbe sembrare una gara priva di particolare significato. In realtà, saranno molti i piloti che avranno una motivazione ulteriore a fare bene nell’appuntamento conclusivo. Primo tra tutti sarà Kimi Raikkonen che, dopo 8 anni (divisi in due fasi)  e 1 mondiale con la scuderia di Maranello, vorrà chiudere la sua avventura in rosso (nei prossimi 2 anni correrà con l’Alfa Romeo Sauber) nel migliore dei modi e perché no, con una vittoria.

C’è anche da difendere l’attuale terzo posto nella classifica piloti: il finlandese, con 251 punti, ha 14 lunghezze di vantaggio sul connazionale della Mercedes Valtteri Bottas e 17 sull’olandese della Red Bull Max Verstappen. Kimi tuttavia, con il suo solito approccio freddo e distaccato da buon finlandese, nel giovedì dedicato alle interviste ha dichiarato al riguardo: Non credo che mi cambierebbe la vita, in ogni caso. Ma se concluderò al terzo posto, mi premieranno quindi in sé non è sicuramente negativo. Anche se poi dovrò andare alla consegna del premio (alla serata di gala organizzata dalla FIA) e quindi dovrò fare un viaggio in più, e questo non mi piacerebbe; ma vedremo…”. Insomma, il solito Iceman.

Anche i piloti Red Bull avranno un plus motivazionale. Max Verstappen, dopo il clamoroso incidente con Ocon ad Interlagos, che gli ha negato il primo posto nel Gran Premio del Brasile, vorrà certamente riscattarsi e centrare la sua terza vittoria stagionale, replicando così i successi ottenuti in Austria e Messico. Daniel Ricciardo invece, ormai da tempo separato in casa con il team austriaco, cercherà di congedarsi dai “bibitari” (l’anno prossimo sarà in Renault) con un successo che manca dallo scorso maggio, precisamente dal Gran Premio nel Principato di Monaco.

L’australiano in caso di vittoria salirebbe a quota 3 in stagione, superando così il compagno di box, beniamino del team, fermo a 2. Di certo sarebbe una bella rivincita.

Per quanto riguarda gli altri piloti dei top team (Ferrari e Mercedes), Bottas, dopo essere stato definito da molti nel corso dell’anno “il maggiordomo di Hamilton”, è ancora fermo a 0 vittorie nel 2018 e certamente è in cerca di riscatto. Vettel invece, dopo le critiche ricevute per i numerosi errori che l’hanno visto protagonista nel corso della seconda parte di stagione, è a caccia di una vittoria che gli servirebbe da stimolo per iniziare poi, nel migliore dei modi il 2019. Lewis Hamilton, tra quelli finora elencati, è forse quello che dovrebbe avere meno fame, ma il 5 volte campione del mondo, si sa, è un cannibale, e vuole avvicinarsi sempre più al record di vittorie di Michael Schumacher: il tedesco ha chiuso la sua carriera con 91 successi, l’inglese attualmente è arrivato primo al traguardo 72 volte.

I riflettori saranno puntati soprattutto su Fernando Alonso che correrà l’ultima gara della sua carriera in Formula 1. Difficilmente la McLaren, considerati gli evidenti limiti prestazionali della MCL33, gli consentirà di poter lottare per un podio, ma il due volte campione spagnolo cercherà di onorare nel migliore dei modi la sua lunga avventura nella classe regina. Fino a ora credo che sia stato un weekend normale, ma forse domenica, quando inizierò a sentire di più le emozioni, sarà diverso. Lo scorso fine settimana ho gareggiato nel Wec a Shanghai e, al momento, probabilmente non sono ancora entrato davvero nello spirito di questa ultima gara in Formula 1. Però le sensazioni sono buone, domenica sarà una giornata emozionante e spero che per noi questo possa essere anche un weekend positivo”.

Infine, alcuni dati statistici riguardanti il circuito progettato dall’architetto tedesco Hermann Tilke, nel quale la Formula 1 corre dal 2009. I piloti che hanno ottenuto maggiori successi sono Vettel ed Hamilton, entrambi con 3 vittorie. Seguono Raikkonen, Rosberg e Bottas a quota 1. Per quanto riguarda i costruttori, la Mercedes è al comando con 4 vittorie, seguono Red Bull a 3, McLaren e Lotus a 1. Nella passata edizione vinse Vallteri Bottas su Mercedes davanti al compagno Lewis Hamilton, con Sebastian Vettel a completare il podio.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here