Nel maggio del 1921 andava in scena il dramma più famoso di Pirandello, “Sei personaggi in cerca d’autore”. Domani invece andrà in scena l’ultima giornata di campionato, con sei squadre in cerca di un posto al sole. Tre di loro lotteranno per entrare in Champions League, altrettante compagini saranno pronte a darsi battaglia per allontanare il baratro della retrocessione. L’incipit tra il dramma pirandelliano e l’ultima di Serie A è per certi versi affine: in entrambi i casi l’obiettivo è cercare la collocazione ottimale in una storia immensamente più grande.

Capitolo 1:

Champions League

Nei piani alti della classifica ci sono ancora due posti da assegnare per la qualificazione diretta in Champions League: a contenderselo saranno Atalanta, Inter, Milan e Roma. La “banda” di Gasperini è ad un passo da una storica impresa, dato che contro il Sassuolo basterà una vittoria o addirittura un pareggio, a condizione però che il Milan non espugni il campo della Spal. Insieme alla Dea, i favoriti per la qualificazione sono gli altri nerazzurri, quelli guidati da Spalletti: all’Inter basterà una vittoria contro l’Empoli, senza guardare i risultati degli altri campi. Potrebbe anche pareggiare, ma il Milan non deve battere la Spal. L’ipotesi meno probabile, ma che comunque premierebbe l’Inter, sarebbe: nerazzurri che perdono contro l’Empoli, con contemporanee sconfitte di Milan e Roma. Dalle due favorite alle più svantaggiate: Milan e Roma non hanno totalmente il destino nelle loro mani. La squadra di Gattuso deve obbligatoriamente battere la Spal e sperare in almeno una sconfitta, o quella dell’Atalanta o quella dei cugini milanesi. Potrebbe bastare anche un pareggio per i rossoneri, ma servirebbero anche le sconfitte di Inter e Atalanta unite alla vittoria della Roma. Ancor più difficile è la situazione per la squadra di Ranieri, che deve battere il Parma e sperare nelle sconfitte di entrambe le milanesi.

CAPITOLO 2:

Lotta salvezza

Sarà una lotta fino alla fine anche per quel che riguarda il discorso salvezza, con tre squadre a rischio Serie B: Fiorentina, Empoli e Genoa. Il match clou è ovviamente il match tra la squadra di Montella e quella allenata da Prandelli: da lì passerà un bel pezzo di salvezza. I viola sono artefici del proprio destino, dato che basterà battere i liguri o addirittura pareggiare, a patto che l’Empoli espugni San Siro. Il discorso è molto più complicato proprio per il Genoa, che deve battere la Fiorentina e sperare in un passo falso dell’Empoli. In caso di arrivo a pari punti tra liguri e toscani, scenderebbe in cadetteria la squadra di Andreazzoli. L’Empoli dunque si salverebbe o con una vittoria a San Siro, indipendentemente dagli altri risultati, oppure con un pareggio, a condizione necessaria che il Genoa non batta la Fiorentina al Franchi.

CAPITOLO FINALE:

Sei squadre in cerca di gloria

Mancano dunque solamente 90 minuti al termine di una stagione che ha regalato mille emozioni ed altrettante ne regalerà domani. Ogni squadra che si sta giocando qualcosa di importante è pronta a scendere in campo per l’ultima volta quest’anno, con il pugnale tra i denti, per cercare di ottenere quella vittoria che significherebbe gloria assoluta.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here