Nonostante a tenere banco in questi giorni siano ancora le questioni societarie, oltre alla ricerca del tecnico che dovrà raccogliere il testimone da Marco Giampaolo, la Sampdoria è fra le squadre di Serie A più attive sul mercato e infatti, già da qualche settimana, continua a muoversi per costruire la rosa della prossima stagione.

Non a caso, è delle ultime ore la notizia di un colpo di grande prospettiva: dall’Argentina è appena arrivato a Genova Gonzalo Maroni, giovane talento proveniente dal Boca Juniors. A quanto ci risulta, il baby centrocampista albiceleste sta svolgendo proprio in questi minuti le visite mediche di rito per diventare ufficialmente un nuovo giocatore doriano.
Qualora fosse tutto confermato dagli ultimi controlli, l’argentino approderà in Italia con la formula del prestito oneroso con diritto di riscatto fissato a 15 milioni di euro.

Cerchiamo quindi di conoscere meglio questo nuovo innesto dei blucerchiati del quale oltreoceano – e non solo – si dice un gran bene.

Gonzalo Maroni è nato a Córdoba (città natale della Joya bianconera, Paulo Dybala) il 18 marzo 1999. Classico trequartista di scuola sudamericana, dotato di un’eccellente visione di gioco, “Gonzalo Maravilla” com’è stato ribattezzato in patria, ha un fisico ancora tutto da formare (1,77 m per meno di 70 kg di peso) cui abbina però una tecnica di prim’ordine, che gli permette di esibirsi in dribbling da funambolo e di fornire assist decisivi per i compagni. Cresciuto nel club della sua città, l’Instituto Atletico Central de Córdoba, ha esordito ad appena 16 anni in prima squadra passando, nel 2016, nella fila del Boca Juniors con cui, sotto la guida di Guillermo Barros Schelotto, è arrivato anche l’esordio in Primera División. Nell’ultima stagione ha giocato, sempre in massima serie, in prestito al Club Atlético Talleres totalizzando 17 presenze condite da 2 reti.

Da notare che Maroni si è disimpegnato nel corso della sua carriera anche come esterno alto, principalmente partendo da sinistra: caratteristica che potrebbe tornare parecchio utile per la Samp nel caso in cui il prossimo allenatore blucerchiato dovesse adottare un sistema di gioco che non prevede il trequartista, a differenza di quanto visto degli ultimi tre anni della gestione-Giampaolo.

Considerato tra i migliori talenti argentini della sua generazione, è un punto fermo della Nazionale Under-20 con cui ha preso parte, fermandosi agli ottavi di finale, al Mondiale attualmente in corso di svolgimento in Polonia.

Maroni era inoltre stato seguito in passato da diversi top club nostrani tra cui Inter e Milan. I rossoneri in particolare sembravano aver messo le mani sul ragazzo già nell’inverno 2018, ma la trattativa sfumó. Ora le porte della Serie A sono di nuovo pronte ad aprirsi per il ragazzo di Córdoba: saprà far innamorare la Gradinata Sud genovese?

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here