La Roma è decisa a ripartire dopo una stagione a dir poco complicata: il campionato chiuso al sesto posto, le dimissioni di Totti da dirigente, l’ostilità dei tifosi verso la proprietà e l’ennesima rivoluzione con l’addio di diversi calciatori per sistemare i conti entro il 30 Giugno nel rispetto delle regole del Fair Play Finanziario sono gli ingredienti di un 2019 da incubo per tutto l’ambiente giallorosso. L’addio di De Rossi, spinto nella scelta di lasciare dalla società, insieme alle cessioni di Manolas, El Shaarawy e (probabilmente) Dzeko lasciano dei dubbi sui reali obiettivi futuri di James Pallotta. Il nuovo DS Gianluca Petrachi ha provato a riaccendere la speranza in un ambiente abbastanza rassegnato parlando di un possibile arrivo di Gonzalo Higuain, che però non sembra convinto della destinazione capitolina.

Risultati immagini per higuain roma

Le buone notizie anche in un momento difficile come questo, però, non mancano: grazie all’accordo tra UEFA e Milan, e alla conseguente rinuncia all’Europa League da parte dei rossoneri, i giallorossi sono scalati automaticamente ai gironi e le trattative con Napoli e Juventus per Kostas Manolas e Luca Pellegrini, oltre che sistemare i conti del club generando importanti plusvalenze, hanno portato 2 giovani ma già con un po’ di esperienza alle spalle come Amadou Diawara e Leonardo Spinazzola. I due non hanno ancora avuto l’occasione di mostrare con continuità il loro vero valore, ma la nuova esperienza giallorossa potrebbe essere l’opportunità per il salto di qualità. A figurare insieme a Diawara e Spinazzola nella lista dei nuovi arrivi c’è anche il terzo acquisto giallorosso, uno dei più attesi: il nuovo portiere Pau Lopez, ufficializzato ieri sera dai Lupacchiotti.

Risultati immagini per spinazzola roma

Pau Lopez arriva dal Betis Siviglia per una cifra importante, 23,5 milioni di euro a cui si aggiunge la rinuncia da parte della Roma alla percentuale che le sarebbe spettata sulla futura rivendita da parte del club andaluso di Antonio Sanabria. Pau Lopez diventa così l’estremo difensore più pagato nella storia del club capitolino e il 13esimo straniero a difendere i pali dell’Olimpico. Il portiere spagnolo avrà dunque il compito di far dimenticare le prestazioni spesso sciagurate del suo predecessore Robin Olsen, che nella scorsa stagione è stato indubbiamente uno dei punti deboli della formazione giallorossa, eccezion fatta per qualche prestazione esaltante come quella all’Allianz Stadium contro la Juve o a Madrid contro il Real. Lo svedese non ha mai dato tranquillità alla retroguardia romanista e spesso è incappato in errori clamorosi, ad esempio contro Genoa, Napoli e Frosinone. Pau Lopez spera di non essere ricordato come “il nuovo Olsen”, ma al contrario di continuare sulle orme di ottimi portieri quali Wojciech Szczesny prima e Alisson Becker poi, con quest’ultimo tra i più accreditati contendenti del Pallone d’Oro 2019. Le caratteristiche fisiche e tecniche per fare bene non gli mancano: il classe ’94, infatti, è ben strutturato fisicamente, è alto 1,89 m e pesa circa 78 kg; il suo piede preferito è il sinistro e nella stagione 18/19, la prima da titolare fisso, si è messo in mostra positivamente. In Liga ha subito 47 reti in 33 partite, mentre in Europa League ha giocato le 2 gare contro il Milan, e soprattutto a San Siro è stato determinante per la vittoria dei suoi. Inoltre, anche se la caratteristica imprescindibile di un portiere rimane certamente il saper parare, Pau Lopez è in grado di dare garanzie a tutto il reparto difensivo anche grazie a una buona capacità di impostare coi piedi, qualità importantissima nel calcio moderno.

Risultati immagini per pau lopez roma

Vedremo, dunque, se il portiere spagnolo sarà in grado di dare un valore aggiunto alla sua nuova squadra come hanno fatto i predecessori di Olsen. Sicuramente Pau Lopez sarà chiamato a prestazioni di alto livello, considerando anche che alle sue spalle scalpita un veterano come Antonio Mirante, che, nonostante l’età, ha già dimostrato di poter essere affidabile e di poter fare molto bene il titolare anche in una squadra dalle ambizioni importanti come la Roma.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here