L’anticipo di sabato sera, disputato allo Stadio Olimpico di Roma, che ha visto contrapposta la Juventus di Maurizio Sarri alla Lazio di Simone Inzaghi, è stato vinto dalla compagine biancoceleste. Un 3-1 perentorio, quello ottenuto dalla squadra laziale, protagonista di questa Serie A che sta regalando diverse sorprese. Una sfida equilibrata per una buona mezz’ora di gioco. Anzi,  nella prima metà del primo tempo era stata più la Juventus a proporsi in avanti rispetto alla sua avversaria. Prima, però, che salisse in cattedra Luis Alberto su tutti. E, infatti, il risultato finale ha premiato meritatamente una Lazio che ha dimostrato di poter dire la sua in questo campionato sempre più interessante.

Se volessimo provare a ricercare i motivi per cui le Aquile abbiano avuto la meglio sulla formazione piemontese, il nostro discorso non può far altro che spostarsi sulla diversa qualità proposta a centrocampo. Quel reparto, come è noto, grazie al quale si decide l’inerzia di un match. Specialmente uno così importante. E la differenza, a tal proposito, è stata fatta dai due migliori interpreti del ruolo probabilmente in Italia, in questo momento. Ovvero, il già citato Luis Alberto e Milinkovic-Savic.

Luis Alberto e Milinkovic-Savic

Il valore tecnico di Luis Alberto…

Piede particolarmente sopraffino lo spagnolo, straripante sotto l’aspetto fisico, oltre che tecnico il serbo. I due calciatori della Lazio contro la Juventus hanno offerto una prestazione di straordinaria caratura tecnica. Luis Alberto è stato meraviglioso. Due passaggi-chiave stupefacenti a dimostrare la sua grandissima dote, quella di assistman. Con i due assist realizzati in questa giornata, il classe 1992 è entrato in una classifica curiosa. Unico giocatore ad andare in doppia cifra (11) nella voce “assist” in Serie A nell’arco di un girone d’andata ancora da completare. Prima, cioè, del termine dell’anno solare.

Numeri rilevanti che denotano e includono la sua caratteristica principale che lo ha contraddistinto fin da subito nel massimo torneo nazionale. Vale a dire: la capacità giusta nei tempi di gioco di trovare l’imbucata per un compagno di squadra. A ricevere il pallone telecomandato dal suo destro fatato, è stato Luiz Felipe (il momentaneo pareggio). Il difensore, appostato sul secondo palo, ha dovuto semplicemente appoggiare di testa il pallone in fondo al sacco. Successivamente, è stato proprio Milinkovic–Savic a trarre beneficio dal lancio preciso del suo compagno. Inserimento perfetto e aggancio spettacolare prima di mettere la sfera in rete e superare l’estremo difensore bianconero. Il serbo fa apparire semplice un qualcosa di molto difficile. Diremmo: la differenza del fuoriclasse. Una giocata, artisticamente e calcisticamente parlando, splendida.

Luis Alberto

… accanto allo strapotere di Milinkovic – Savic

Prelevato dalla Liga Spagnola per una cifra intorno ai 5 milioni di euro, Luis Alberto ha iniziato ad indossare la divisa della Lazio nella stagione 2016-17. Il campionato in cui comincerà a mettersi in mostra realmente, tuttavia, sarà il successivo, a conclusione del quale finirà con l’eguagliare il record degli assist (14) precedentemente detenuto dal solo Marek Hamsik. E pensare che per arrivare ad un bottino così notevole, gliene mancano solo 3. A dir la verità, Luis Alberto proviene direttamente dal Liverpool, squadra che non ha creduto in lui, decidendo di “scaricarlo” due volte a titolo temporaneo in terra iberica (Malaga prima, Deportivo poi) prima di cederlo a titolo definitivo proprio alla Lazio. Formazione che oggi si gode appieno il suo talento.

È mediaticamente più chiacchierato il numero 21 laziale. Nella lista dei più grandi club europei, Milinkovic–Savic è stato vicinissimo a salutare il nostro campionato quest’estate. Secondo i rumors e le indiscrezioni di mercato, infatti, il serbo, nella precedente sessione estiva di calciomercato, si è trovato al centro di diverse trattative. Come aveva anche dichiarato, tra l’altro, il Presidente Claudio Lotito che non ha mai garantito una sua riconferma. Milinkovic, però, alla fine, è rimasto e sta incantando e convincendo. Cosa che aveva saputo fare ottimamente il primo anno in Italia. Del gesto tecnico ne abbiamo già parlato, esaltando fondamentalmente il controllo eccezionale del pallone. Padronanza assoluta del centrocampo anche assicurata, va riconosciuto, ad un giocatore, magari “meno bello” tecnicamente, ma utilissimo nella fase di interdizione. Parliamo di Lucas Leiva, l’uomo che meglio degli altri rappresenta il ruolo del mediano in maniera assoluta.

Milinkovic-Savic

Luis Alberto e Milinkovic-Savic: i più forti in Italia? 

Un centrocampo, insomma, ben allestito. Non crediamo di esagerare tanto se, spingendoci un po’ oltre, quest’analisi ci porta a dire che, ad oggi, la mediana della Lazio è la più forte in Italia. Il giusto compromesso delle tante caratteristiche che “il reparto” per antonomasia deve avere. Cura e disciplina tattica nei primi 30 metri. Ma, allo stesso tempo, qualità e classe negli ultimi 70. E di classe, Luis Alberto e Milinkovic – Savic, ne hanno veramente tanta…

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here