Approfittando dello stop alle competizioni calcistiche per l’emergenza coronavirus, il 7 aprile l’IFAB (International Football Association Board) ha diramato un documento contenente alcune modifiche al regolamento del calcio. Le parti ritoccate sono svariate, ma per evitare di entrare troppo nel dettaglio ci limitiamo ad analizzare le modiche più sostanziose e quelle che possono presentarsi più frequentemente durante le partite. Potete comunque consultare il documento completo in inglese con tutte le nuove regole IFAB.

Calci di rigore e tiri dal dischetto

  • Se il portiere commette un’infrazione durante l’esecuzione di un calcio di rigore o tiro dal dischetto, in caso di errore il rigore si ripete e il portiere non viene più subito ammonito bensì riceve un avvertimento. In caso di una successiva infrazione nello stesso penalty o in uno successivo, scatta l’ammonizione. Quella dell’IFAB ci sembra una scelta sensata: ammonire immediatamente un portiere per aver parato un rigore partendo coi piedi di qualche centimetro oltre la linea di porta era un’esagerazione di cui faremo a meno volentieri.
  • Se sia il portiere sia il tiratore commettono un’infrazione contemporaneamente, il tiratore viene ammonito e il gioco riprende con un calcio di punizione indiretto per la squadra avversaria. In caso di tiri dal dischetto, il tiratore viene ammonito e il rigore si considera sbagliato.
  • Se il portiere commette un’infrazione durante l’esecuzione di un rigore, ed esso viene sbagliato ma non per intervento del portiere, il rigore non viene tirato di nuovo (a meno che il portiere abbia influenzato chiaramente il tiratore).
  • Ammonizioni e avvertimenti presi durante la partita (tempi supplementari inclusi) si “azzerano” prima dei tiri dal dischetto. Ciò significa, ad esempio, che un giocatore già ammonito durante il match, in caso di ammonizione durante la lotteria dei rigori non viene espulso. L’espulsione viene comminata solo in caso di doppia ammonizione durante i tiri dal dischetto. Oppure, un portiere che ha già ricevuto un avvertimento per aver commesso un’infrazione durante l’esecuzione di un rigore, se ne commette un’altra durante i tiri dal dischetto non viene ammonito bensì nuovamente avvertito dal direttore di gara.

L'IFAB ha modificato la nuova regola sui calci di rigore - Mondo ...

Fuorigioco

  • Un giocatore in posizione di offside che riceve la palla da una giocata volontaria di un avversario, inclusa una giocata volontaria di mano ed escluso un salvataggio, non viene punito per fuorigioco. La ratio di questa modifica è che se già una giocata “legale” scagionava il giocatore offendente dalla punibilità per fuorigioco, adesso ciò accade anche (e a maggior ragione) per una giocata “illegale” come il fallo di mano intenzionale.

Fallo di mano

Tra le nuove regole che l’IFAB aveva introdotto prima della stagione 2019/20, le più controverse sono state – come sempre – quelle sul fallo di mano. L’organo internazionale avrà probabilmente ascoltato le critiche e ha corretto il tiro: sono arrivati un cambiamento e un chiarimento.

  • È fallo se un giocatore, immediatamente dopo che il pallone ha toccato il braccio o la mano suo/a o di un suo compagno, segna una rete o crea un’occasione da gol. Qui la novità consiste proprio nella parola “immediatamente”. Ora per annullare un gol (o interrompere un’occasione da gol) per fallo di mano, anche accidentale, non è più sufficiente che ci sia stato un tocco di mano durante l’azione, ma è necessario che questo tocco porti nell’immediatezza a un gol (o ad un’occasione da gol).
  • Il limite superiore del braccio è in linea con la parte inferiore dell’ascella, come raffigurato nell’immagine qui sotto. Questa indicazione serve a distinguere meglio un tocco regolare da un fallo di mano.

nuove regole ifab

Vantaggio

  • Se l’arbitro concede la battuta rapida di un calcio di punizione dopo un’infrazione che ha interrotto un attacco promettente, quella che sarebbe dovuta essere l’ammonizione subito dopo il fallo non viene comminata ai danni del giocatore.
  • Se l’arbitro concede il vantaggio dopo un’infrazione che ha interrotto un attacco promettente, anche in questo caso quella che sarebbe dovuta essere un’infrazione da punire col giallo non viene sanzionata con l’ammonizione.

Infrazioni passibili di ammonizione

  • Tra le infrazioni passibili di ammonizione, viene inserito anche il mancato rispetto della distanza richiesta quando l’arbitro fa riprendere il gioco consegnando il pallone col rimbalzo per terra (dropped ball).

Moviola Serie A, Doveri quasi top: arbitro completo - Corriere ...

Protocollo VAR

Lieve modifica anche al protocollo VAR:

  • Se il check indica un probabile errore chiaro ed evidente o una probabile grave svista, il VAR stesso può dare un consiglio all’arbitro sulla decisione da prendere. Fermo restando, però, che la decisione finale spetta sempre al direttore di gara.

Le statistiche Var in Serie A: fino a 2'11 per le correzioni ...

Da quando saranno valide le nuove regole IFAB?

L’organo internazionale ha fatto sapere, con una nota nel proprio sito ufficiale, che le modifiche al regolamento entreranno in vigore l’1 giugno 2020. Tuttavia, vista la situazione legata al coronavirus, se una competizione sospesa ricomincia, ha la facoltà di scegliere se applicare le nuove regole IFAB o se continuare col regolamento del 2019/20. Scelta – quest’ultima – che ci appare la più sensata per mantenere uniformità di giudizio. Anche perché, per fare un esempio, con questa recente modifica il gol segnato da Zlatan Ibrahimovic in Fiorentina-Milan 1-1 del 22 febbraio non sarebbe stato annullato

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here