È la partita decisiva, è la resa dei conti, è il KlassikerStasera alle 18:30 al Signal Iduna Park va in scena lo spettacolo di Borussia Dortmund-Bayern Monaco.

Match attesissimo in quanto se i padroni di casa dovessero vincere si porterebbero ad un solo punto dai bavaresi, e allora sì che la corsa al Meisterschale diventerebbe entusiasmante.

In caso di parità e, con un distacco congelato di quattro lunghezze, la lotta sarebbe comunque ancora aperta considerato anche il fatto che i campioni in carica devono ancora affrontare il Bayer Leverkusen e il Borussia Mönchengladbach. In compenso gli uomini di Favre alla penultima giornata andranno a Lipsia.

Al contrario, se Neuer e compagni dovessero uscire vittoriosi dal Westfalenstadion la Bundesliga potrebbe considerarsi virtualmente chiusa.

Andiamo però a scoprire come sono ripartite le due squadre dopo lo stop forzato e la loro condizione in vista del big match.

I gialloneri hanno ricominciato alla grande la loro corsa vincendo entrambe le partite e soprattutto convincendo: dopo aver sconfitto lo Schalke per 4-0 nel Revierderby giocato tra le mura amiche, nell’ultimo turno hanno espugnato la Volkswagen Arena con il risultato di 2-0, grazie alle reti Raphaël Guerreiro ed Achraf Hakimi.

Klassiker

I due esterni complessivamente hanno segnato 16 gol e confezionato 15 assist; numeri a dir poco incredibili.

Un dato importante è il fatto di aver mantenuto la porta inviolata in entrambi gli incontri disputati: a dire il vero la solidità difensiva della squadra è migliorata sensibilmente nel girone di ritorno, trasferta di Leverkusen esclusa, da quando il tecnico Lucien Favre scelse di passare ad una difesa a tre, con il conseguente avanzamento sulla linea dei centrocampisti di Hakimi e Guerreiro.

E restando proprio alla retroguardia giallonera, chi vuole assolutamente esserci è Mats Hummels, uscito per un problema al tendine d’Achille al termine del primo tempo nella sfida con il Wolfsburg ed ex di lusso; il tedesco sembra comunque recuperato e dovrebbe scendere regolarmente in campo.

Sicuro assente nel Klassiker sarà invece il capitano Marco Reus, ai box da inizio febbraio e alle prese con diversi guai fisici: assenza pesante in quanto il fantasista di Dortmund è l’anima di questa squadra oltre che il giocatore con maggior talento insieme a Jadon Sancho.

Klassiker

Recuperato in extremis e convocato Axel Witsel, leader del centrocampo di Favre e reduce da problemi muscolari il quale, quasi certamente, siederà in panchina. Rinunciare a uomini di esperienza con un tale carisma come il belga e Reus in una partita del genere potrebbe pesare come un macigno.

Il tecnico svizzero deve decidere se confermare in mediana la coppia Dahoud-Delaney che tanto bene ha fatto negli ultimi due incontri oppure schierare Emre Can il quale, smaltite le noie muscolari, sabato è subentrato ad Hummels giocando però al posto di quest’ultimo al centro della difesa.

Anche il Bayern ha vinto entrambe le sfide dopo la ripresa della attività agonistica trionfando 2-0 a Berlino contro l’Union grazie alle reti di Robert Lewandowski e Benjamin Pavard e battendo all’Allianz Arena l’Eintracht Francoforte per 5-2.

Avversari non all’altezza per impensierire una simile corazzata che può contare su un Lewandowski che segna sempre, 27 reti in campionato, e su un Thomas Müller che grazie alla cura Flick è tornato ad essere quello dei tempi migliori e primo nella classifica degli assist forniti a quota 17.

Klassiker

Da segnalare anche la costante crescita di Alphonso Davies, terzino sinistro canadese di 19 anni protagonista di una stagione straordinaria e autentica rivelazione tra gli uomini di Flick.

In vista del Klassiker il tecnico tedesco dovrà rinunciare a Thiago Alcántara, Tolisso, Coutinho e Süle.

Bayern Monaco e Borussia Dortmund sono rispettivamente primo e secondo migliore attacco del campionato, con 80 e 74 marcature.

Le due squadre nel girone di ritorno hanno avuto fino a questo momento un ritmo impressionante: il Dortmund ha ottenuto 27 punti su 30 disponibili, i bavaresi addirittura 28Intrigante anche il confronto tra Robert Lewandowski ed Erling Haaland, due autentiche macchine da gol.

Klassiker

All’andata non ci fu storia, con il Bayern che polverizzò il Borussia con il netto punteggio di 4-0. A contribuire alla disfatta ci pensò anche il tecnico Favre con delle scelte di formazione alquanto discutibili. 

Lo scorso anno a Dortmund i padroni di casa vinsero 3-2 grazie alla doppietta di Marco Reus ed al sigillo finale di Paco Alcácer.

Peccato che una sfida simile si giocherà in un clima desolante, senza il calore del tifo del muro giallo (altro fattore non di poco conto) e senza gli oltre ottantamila spettatori che avrebbero occupato le tribune.

Ma nonostante questo, rimane pur sempre Borussia Dortmund-Bayern Monaco, il Klassiker.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here