Sta vivendo uno stato di grazia, sta segnando a raffica, Kevin Lasagna sta attraversando quello che senza dubbio è il miglior momento della sua carriera. L’attaccante dell’Udinese è andato a segno nelle ultime cinque partite realizzando ben sei reti.

L’unico incontro nel quale il capitano bianconero è rimasto a secco è stata la prima sfida dopo la ripresa del campionato contro il Torino. E pensare che prima dello stop causa Covid-19 l’attaccante aveva segnato soltanto quattro gol in questa Serie A 2019-2020.

D’altronde è risaputo che un calciatore, specialmente se di mestiere fa l’attaccante, quando trova la via del gol acquista maggiore fiducia e consapevolezza dei propri mezzi.

Lasagna

Purtroppo per lui l’ultimo centro siglato contro la Sampdoria alla Dacia Arena non ha portato punti salvezza alla propria squadra la quale, dopo essere passata in vantaggio grazie ad un gran gol del suo numero 15, ha subito la rimonta blucerchiata: genovesi che al termine del match si sono imposti con il punteggio di 3-1. Atalanta (doppietta), Roma, Genoa e Spal le altre vittime di Lasagna delle ultime settimane. Reti che hanno contribuito a migliorare la situazione di classifica dell’Udinese che ora è a quota 35 punti, +6 sul Lecce terz’ultimo.

Bianconeri che probabilmente hanno raccolto meno di quanto avrebbero meritato per le prestazioni fornite nelle ultime apparizioni: detto della sconfitta casalinga contro la Samp giunta nei minuti finali, gli uomini di Gotti hanno messo in difficoltà l’Atalanta dei miracoli di Gasperini (in quell’occasione due prodezze di Luis Muriel regalarono la vittoria ai bergamaschi), ma a far male fu soprattutto il pareggio beffa contro il Genoa, match nel quale Lasagna e compagni vincevano per 2-0 e stavano conquistando tre punti pesantissimi in chiave salvezza; partita poi terminata 2-2 dopo il gol di Pinamonti all’ultimo istante dell’incontro.

Con dieci gol in campionato l’attaccante mantovano è il miglior marcatore della squadra, davanti al compagno di reparto Stefano Okaka e a Rodrigo De Paul fermi a sei.

Lasagna

Mister Gotti difficilmente rinuncia al proprio capitano sempre generoso e al servizio della squadra, a maggior ragione in quest’ultimo periodo vista la sua vena realizzativa.

Lasagna, oltre all’obiettivo di salvare la propria squadra avrà certamente quello di superare il proprio record personale di dodici gol messi a segno due stagioni fa sempre con la maglia bianconera.

Prima di arrivare in Friuli il giocatore ha disputato ottime stagioni nel Carpi: con il club emiliano ha giocato tre anni conquistando anche una storica promozione nel 2014-2015L’anno seguente è arrivato l’esordio in Serie A e per segnare il suo primo gol Lasagna ha scelto di certo uno stadio ed un avversario non banali; la prima rete infatti la siglò a San Siro contro l’Inter nel gennaio del 2016, rete che addirittura consentì al piccolo Carpi di strappare uno storico pareggio nei minuti di recupero.

Lasagna

Ora i bianconeri sono attesi da un trittico di partite da paura con Lazio, Napoli e Juventus. Alla penultima giornata poi lo scontro decisivo per la salvezza contro il Lecce di Liverani, sempre che gli uomini di Gotti non arrivino a quel match con la salvezza già in tasca. E con un Lasagna in questo stato di grazia l’obiettivo è decisamente alla portata.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here