Dalle stalle alle stelle. Ci sono volte in cui i classici “detti” possono essere stravolti, in negativo o in positivo. Ciò è accaduto nel caso di Ante Budimir, ariete del Maiorca, che all’età di 28 anni è riuscito a dare una svolta alla propria carriera. Una delle ultime ancore di salvezza, ovvero la Spagna nel caso dell’ex calciatore di Crotone e Sampdoria, che è riuscito a sfruttare al meglio. Da sempre considerato un attaccante di basso rango, nell’ultimo anno e mezzo dopo esser stato mandato via dall’Italia, a suon di gol ha portato il club ispanico nella massima serie, senza però riuscire a centrare la salvezza nel corso dell’annata appena conclusasi.

Un’annata che ha visto l’attaccante piazzarsi all’ottavo posto della classifica marcatori de La Liga, grazie alla realizzazione di 13 gol. Inoltre, è stato parte integrante di altre tre marcature della squadra in virtù degli altrettanti assist collezionati nel corso della stagione. Infine, un altro ed ultimo dato significativo è quello relativo al fatto che la punta croata ha siglato oltre un quarto dei gol totali messi a segno da parte della squadra. Tale rendimento è la causa, senza ombra di dubbio, del continuo migliorarsi nei suoi punti di forza.

Ante Budimir

Margine di crescita tecnico, e la doppietta al Barca…

Giocatore dotato di un’ottima statura fisica – 1,90 cm in altezza -, fa di essa un suo punto di forza. Spesso avvezzo a proteggere palla spalle alla porta, oltre che una semplice punta diviene il vero e proprio punto di riferimento dell’11 titolare. Difatti, egli rispecchiava il profilo perfetto per quanto concerne il ruolo di rifinitore offensivo per Vincente Moreno, tecnico del Maiorca che predilige moduli con esterni propositivi e la presenza di un trequartista alle spalle dell’unica punta – 4-2-3-1. Nonostante ciò, Budimir è stato capace di adattarsi anche nel 4-4-2, disposizione utilizzata dall’allenatore nelle ultime uscite stagionali.

In stagione sono stati tanti i gol decisivi messi a segno dalla punta croata. Nonostante ciò la doppietta rifilata al Barcellona seppur il disastroso finale per 5-2, si è rivelata la più bella sotto il punto di vista delle emozioni in virtù di vari fattori che non avrebbero bisogno di essere citati. In merito a marcature chiave, in ben otto occasioni in cui egli ha trovato la via del gol il Maiorca ha racimolato punti salvezza. Importantissime le doppiette con Celta Vigo e Valencia; con quest’ultima inoltre collezionò anche un assist, partecipando in pianta stabile a 3 dei 4 gol rifilati agli avversari. Per ultimo invece, il gol contro l’Osasuna valevole per il 2-2 finale, che ha comunque costretto i suoi alla retrocessione.

Ante Budimr

Futuro e (possibile) ritorno al passato

Ad oggi, proprio come accaduto anni fa in occasione dell’annata in Serie B con il Crotone, sono tante le squadre interessate ad Ante Budimir. 13 gol alla prima annata nella massima serie spagnola non saranno certamente passati inosservati, né in terra iberica né in Europa. Seppur l’attuale situazione contrattuale lo leghi al Maiorca fino al 30 giugno 2023, non sarebbe da escludere una cessione, dal momento in cui, come detto poc’anzi, è un profilo molto appetibile. Un futuro in Spagna da non escludere, e tanto meno un ritorno in Italia, con la neopromossa Benevento che potrebbe puntarci qualche milione. Invece, per i più nostalgici e romantici, si potrebbe ripetere il matrimonio con il Crotone, quest’ultimo club ad un passo dal ritorno in Serie A. Inoltre, andrebbe ricordato ai tanti che in Italia qualcuno ha già avuto modo di apprezzarlo, e non poco. Spesso è bello concedere seconde opportunità, e perchè no, un’altra esperienza nel Belsole d’Italia non sarebbe poi così male. 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here