La scelta di Andrea Agnelli ha preso tutti alla sprovvista. La Juventus deve vincere in Europa, nell’immediato, e affidarsi ad Andrea Pirlo, alla prima esperienza in panchina, sembra un azzardo troppo grande. I paragoni con i vari Zidane, Guardiola, Cruijff e Mancini sono già iniziati. Analizziamone similitudini e differenze.

Cruijff e Seedorf

Nel mondo del calcio sono pochissimi gli allenatori che hanno iniziato la loro carriera direttamente sulla panchina di una big europea, senza neanche un’esperienza nel settore giovanile o in campionati minori. Tra questi il più importante da ricordare è Johan Cruijff. La sua prima esperienza fu all’Ajax, dove vinse due Coppe d’Olanda e una Coppe delle Coppe, per poi approdare al Barcellona. Altri due casi simili sono Gullit e Vialli, con il secondo che successe al primo sulla panchina del Chelsea. Entrambi rivestirono il ruolo di giocatore-allenatore, due stagioni a testa dal 1996 al 2000. Ultimo caso è quello di Clarence Seedorf, che venne scelto come allenatore del Milan, appena terminata la carriera da giocatore al Botafogo. Eccezion fatta per Cruijff, di Vialli, Gullit e Seedorf non abbiamo un grande ricordo per quanto riguarda la loro seconda “vita”.

Due casi leggermente diversi sono quelli riguardanti Ferrara e Leonardo. Entrambi, che come Andrea Pirlo, non avevano esperienze in panchina, però, a differenza del “Maestro”, avevano già esperienze come dirigenti o collaboratori tecnici. Ciro Ferrara inizia come collaboratore tecnico di Lippi, durante i mondiali del 2006, per poi occuparsi del settore giovanile della Juventus. Succede a Claudio Ranieri sulla panchina della Juventus, sarà esonerato dopo 7 mesi. Leonardo inizia la sua carriera da allenatore al Milan, per poi accasarsi, appena un anno dopo, all’Inter, dove resterà per sei mesi. A differenza di Ciro Ferrara, che continua la sua carriera da allenatore in Cina, Leonardo ha intrapreso la strada dirigenziale, rivestendo l’incarico di dirigente sportivo al PSG.

Andrea Pirlo

Guardiola, Mancini e Lampard

Altri allenatori con pochissima “gavetta” sono Mancini, Guardiola, Filippo Inzaghi, Montella e Lampard. Il CT della nazionale italiana fece soltanto un anno come secondo allenatore di Eriksson alla Lazio, per poi allenare la stagione successiva la Fiorentina, senza possedere neanche il patentino, concluse la stagione con la vittoria della Coppa Italia. Un predestinato è anche Pep Guardiola, un solo anno alla guida del Barcellona B, con annessa promozione da quarta a terza serie, bastò alla dirigenza blaugrana per puntare con decisione su di lui, all’età di 37 anni. La folle scommessa ottenne i risultati sperati, al primo anno Pep, con il suo gioco rivoluzionario, fece innamorare il popolo blaugrana, grazie alla conquista del triplete. Il sogno dei tifosi juventini è il medesimo, che Andrea Agnelli vinca questa folle scommessa.

Pippo Inzaghi sta facendo molto bene a Benevento, con la promozione in Serie A ottenuta questa stagione, ma sicuramente non aveva convinto al Milan, nella sua primissima esperienza in panchina. Evidentemente era troppo presto per affidargli una panchina così prestigiosa, dopo appena due anni di esperienza nel settore giovanile. Lo stesso percorso di Inzaghi è stato effettuato da Montella, dopo appena due anni di giovanili della Roma fu promosso a tecnico della prima squadra. Lampard prima di approdare al Chelsea in questa stagione, guidò, nella scorsa, il Derby County, portandolo ad un passo dalla promozione in Premier League, perdendo in finale playoff contro l’Aston Villa. Molto positiva la sua prima stagione al Chelsea, dove con un organico non dei migliori, complice la vendita di Hazard e il mercato in entrata bloccato, è riuscito ad ottenere un posto in Champions, valorizzando molti giovani.

Zidane, Stramaccioni e Arteta

Meno opportuno è il paragone con allenatori come Zidane, Stramaccioni, Arteta, Brocchi, Gattuso e Simone Inzaghi. A differenza di quello che la maggior parte delle persone pensa, questi allenatori han avuto numerose esperienze, in primavera, serie minori o come vice in prima squadra, prima di guidare un top club. Zidane, considerato uno dei migliori tecnici in circolazione, iniziò come dirigente all’interno del Real, dopo quattro anni diventa il vice di Ancelotti per un anno, successivamente gli viene affidata la panchina del Real Madrid B per due anni, e infine arrivò la chiamata per condurre la prima squadra, con cui ha vinto tutto il possibile. Stramaccioni arrivò all’Inter molto giovane, a 36 anni, ed è per questo che molti pensano non abbia fatto la gavetta. In realtà il tecnico italiano iniziò la carriera da allenatore in giovanissima età, a 24 anni, e arrivò a condurre l’Inter solo dopo 12 anni di esperienza nelle giovanili di Roma e Inter.

Anche il tecnico dei Gunners, Arteta, ha fatto un minimo di gavetta, tre anni come viceallenatore di Guardiola al City. In questa stagione è riuscito a vincere la FA Cup, riscattando un’annata tutt’altro che positiva per l’Arsenal. Brocchi fu scelto come allenatore del Milan dopo tre anni di esperienza in primavera, per sostituire Mihajlovic. Non convinse e non venne confermato per la stagione successiva. Ora, dopo altri quattro anni di esperienza, ha condotto il Monza di Berlusconi e Galliani in Serie B.

Andrea Pirlo

Gattuso e Simone Inzaghi

Uno che di gavetta ne ha fatta, e non poca, è Gennaro Gattuso, abituato a lottare per arrivare a tagliare traguardi meritati. Prima della panchina del Milan, si è seduto su quelle di Sion, Palermo, Ofi Creta, Pisa e Milan primavera. Infine Simone Inzaghi, a differenza del fratello, ha dovuto fare anni di esperienza, ben sei, prima di sedere sulla panchina di una big italiana. La stagione successiva al ritiro iniziò ad allenare nelle giovanili della Lazio, per poi passare alla guida della primavera, e infine della prima squadra.

Andrea Agnelli è sicuramente consapevole del rischio preso. Tuttavia, spera di aver trovato in casa, a basso costo, un allenatore dal futuro roseo come Guardiola. Andrea Pirlo è una scommessa, per quanto folle possa essere, e solo il tempo ci dirà se ripagherà o meno.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here