La stagione di serie A 2020/2021 si prospetta anomala e senza precedenti. Seppur le squadre, come Cremona e Roma, che si trovavano in difficoltà, hanno risolto i relativi problemi, rimangono ancora diverse incognite legate al prossimo campionato.

Pubblico nei palazzetti

Al momento l’interrogativo principale è quello riguardante la capienza dei palazzetti. Infatti, non è ancora possibile sapere se la partite potranno essere a porte aperte ma a numero ridotto oppure chiuse ma con la possibilità di aprirle a stagione in corso. Una cosa è certa, allo stato attuale risulta impossibile poter garantire la capienza totale dei palasport. Per molte squadre di LBA gli incassi del botteghino sono di vitale importanza, essendo le entrate principali dopo quelle degli sponsor; di conseguenza molte società hanno sottolineato il loro dissenso a scendere in campo senza pubblico dato l’enorme danno dal punto di vista economico.

diritti televisivi basket

Diverse squadre già a maggio avevano deciso di spostarsi in palasport più grandi per permettere una maggiore affluenza di persone nel momento in cui il pubblico sarebbe stato ridimensionato rispetto alla reale capienza delle strutture. La federazione italiana pallacanestro e il presidente Petrucci hanno sottolineato nelle ultime settimane l’importanza di svolgere le competizioni a porte aperte, sempre tenendo conto della tutela degli spettatori. Anche il Presidente della Legabasket, Umberto Gandini, si è espresso a riguardo.

diritti televisivi basket

Gandini ha dichiarato che riavere il pubblico nei palazzetti è l’obiettivo primario della Legabasket per la prossima stagione. Inoltre, ha aggiunto che il banco di prova sarà la Supercoppa LBA, che potrebbe essere un serio punto di partenza. Il 4 settembre avrà luogo il derby di Basket City, che vedrà affrontarsi Virtus e Fortitudo. La partita potrebbe essere la prima, dopo tanti mesi, a porte aperte. In Emilia Romagna infatti è stata emanata un ordinanza che prevede la possibilità di 200 spettatori presenti agli eventi sportivi indoor.

Diritti TV

Siccome il fronte pubblico appare al momento ancora incerto, la gestione dei diritti televisivi per la prossima stagione sarà fondamentale. La Legabasket il 7 agosto ha indetto il bando per i diritti audiovisivi e radiofonici per le prossime due stagioni. La procedura si concluderà il 20 agosto alle ore 12 con la conseguente assegnazione dei diritti.

Per il servizio di riproduzione dei contenuti audiovisivi al momento sono trapelati unicamente i nomi di Eurosport, che già possiede i diritti di EuroCup e Eurolega per la prossima stagione, e che detiene già da diversi anni anche quelli LBA, e quello della RAI per le partite in chiaro. In parallelo a chi deterrà i diritti televisivi ci sarà Infront Sports & Media, azienda che gestisce marketing e media delle competizioni sportive.

diritti televisivi basket

La società svizzera lavora già da anni con la serie A di calcio e porterebbe dei miglioramenti a livello economico anche sul fronte LBA. L’accordo, che al momento non è stato ancora ufficializzato, sarebbe triennale e assicurerebbe 2,4 milioni di euro a stagione per la Legabasket a fronte degli 1,4 milioni della scorsa. La collaborazione con il colosso svizzero sarebbe un grosso passo in avanti per il basket italiano sopratutto in un momento in cui le difficoltà si sono fatte sentire maggiormente.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here