In occasione della Draft Lottery tenutasi lo scorso 20 agosto è stato annunciato l’ordine ufficiale secondo cui le squadre NBA sceglieranno tra i prospetti che si sono dichiarati per il Draft 2020. Andiamo a vedere quali potrebbero essere i principali target per ciascuna franchigia nella top 14.

Prima scelta assoluta – Minnesota Timberwolves: Anthony Edwards, G

Ai Timberwolves, dopo la deludente stagione che sta giungendo al termine, è stata assegnata la prima scelta assoluta, aprendo di conseguenza numerosi scenari per la squadra di Minneapolis. Se dovessero decidere di tenersi la pick, la scelta ricadrebbe quasi sicuramente su Anthony Edwards, prodotto in uscita da Georgia dove ha fatto mostra del suo esplosivo talento offensivo. Altrettanto probabile è che si cerchi uno scambio in cui aggiungere la scelta in cambio di un giocatore affermato. Il nome principale è quello di Devin Booker, stella dei Suns e grandissimo amico delle star dei Wolves Karl-Anthony Towns e D’Angelo Russell.

Mock Draft

2 – Golden State Warriors: James Wiseman, C

I vincitori di tre anelli negli ultimi cinque anni hanno ottenuto la seconda scelta assoluta in seguito a una stagione chiusa in fondo alla classifica a causa degli infortuni di Stephen Curry e Klay Thompson. Ultimamente il punto debole, se così si può chiamare, degli Warriors è stato il centro titolare. A questa situazione potrebbe sopperire l’arrivo di James Wiseman, ritenuto da molti il miglior prospetto presente in questa classe per le sue abilità vicino a canestro sia nella metà campo offensiva che in quella difensiva. D’altra parte, le principali testate statunitensi sostengono che la franchigia proverà a includere la scelta in uno scambio. Ipotesi remota, intrigante ma allo stesso tempo spaventosa la superstar Giannis Antetokounmpo.

3 – Charlotte Hornets: LaMelo Ball, PM

Gli Hornets hanno disperato bisogno di una potenziale superstar, visto che negli ultimi anni sono sempre stati contrassegnati da risultati mediocri. Per questo non esiterebbero nel scegliere LaMelo Ball, guardia proveniente dagli Illawarra Hawks in Australia e fratello di Lonzo, che nonostante la poca predisposizione difensiva possiede un arsenale offensivo sia da realizzatore che da passatore che potrebbe permettergli di scavalcare Devonte Graham e Terry Rozier nelle rotazioni.

Mock Draft

4 – Chicago Bulls: Deni Avdija, AP

I Bulls sono una squadra giovanissima ancora in fase di ricostruzione. L’ultimo tassello per completare il quintetto titolare è un’ala piccola two-way, ossia capace sia di segnare punti sia di difendere. Avdija incarna al meglio questo stereotipo e potrebbe diventare una componente fondamentale nel futuro della franchigia dell’Illinois.

5 – Cleveland Cavaliers: Obi Toppin, AP/AG

Anche Cleveland si ritrova alle prese con la ricostruzione della squadra dopo che LeBron James è partito direzione Los Angeles. Il veterano Kevin Love è ancora presente nella rosa, ma un possibile scambio non è da escludere: in caso si verificasse, Cleveland virerebbe su un’ala capace di rimpiazzarlo come Toppin, il miglior giocatore dell’annata collegiale grazie al suo fenomenale talento realizzativo.

Mock Draft

6 – Atlanta Hawks: Tyrese Haliburton, SG/PG

La priorità principale degli Hawks è trovare un giocatore da affiancare a Trae Young, soprattutto in grado di aiutarlo nella metà campo difensiva. Tyrese Haliburton è un solido difensore e potrebbe anche servire come playmaker secondario in grado di sostituire il veterano Jeff Teague in futuro.

7 – Detroit Pistons: Onyeka Okongwu, C

Dopo che Andre Drummond è stato scambiato a Cleveland, i Pistons si ritrovano con un buco da riempire sotto canestro. Se Christian Wood venisse preferito da ala grande, Okongwu potrebbe essere un compagno di reparto eccezionale date le sue caratteristiche di centro moderno, in grado di proteggere l’area, catturare rimbalzi e concludere in situazioni di pick and roll.

8 – New York Knicks: Cole Anthony, PG

I Knicks vengono considerati globalmente la franchigia NBA più sfortunata degli ultimi anni. Difficoltà nel scegliere giovani talenti, ordine della Lottery mai a loro favore e scelte discutibili da parte della proprietà concorrono all’incapacità di attrarre grandi nomi a Manhattan. Per questo il prossimo draft ricopre un’importanza ancora maggiore: Cole Anthony potrebbe essere una scelta sicura, nonostante la difficile stagione in quel del North Carolina dove è comunque riuscito a far vedere il suo talento da playmaker.

9 – Washington Wizards: Isaac Okoro, SG/SF

I Wizards si sono classificati ultimi in quanto a rating difensivo in quest’ultima stagione. Isaac Okoro da Auburn ha il potenziale difensivo più alto in questa classe e si affiancherebbe divinamente al backcourt di Bradley Beal e del ritornante John Wall.

10 – Phoenix Suns: Killian Hayes, PG/G

Dopo una stagione chiusa brillantemente al di sopra delle aspettative,  i Suns hanno l’occasione di potenziare ulteriormente la loro panchina. Hayes, prospetto francese in uscita da Ulm, ha caratteristiche da combo guard che gli permettono di adattarsi con facilità sia da 1 che da 2, che potrebbero interessare la franchigia dell’Arizona tanto da sceglierlo alla decima.

Di seguito, velocemente, le ultime 4 probabili scelte della Lottery

11-San Antonio Spurs: Devin Vassell, G/AP
12-Sacramento Kings: Tyrese Maxey, PM/G
13-New Orleans Pelicans: Kira Lewis Jr, PM
14-Boston Celtics: Prechious Achiuwa, AP/AG

Per il nostro italiano Nico Mannion le previsioni sono discordanti. Alcuni sostengono che verrà scelto a metà del primo turno, altri a cavallo tra il primo e il secondo. C’è da dire però che il Draft ha una storia di sorprese, con giocatori acciuffati verso la fine (Manu Ginobili, Isaiah Thomas…) che si sono dimostrati dei gioielli in confronto ad altre scelte alle battute iniziali (Anthony Bennett e Darko Milicic, per citarne un paio). Speriamo vivamente che Nico possa avere una carriera di successo oltreoceano, in attesa del 15 ottobre, quando il sogno di questi giovani talenti diventerà realtà.

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here